salta la barra


Comune di Prato
 indietro
Albo pretorio del Comune di Prato

Guida alla consultazione dell'albo pretorio on line

Cos'è l'albo pretorio e come funziona

L'Albo pretorio è stato, per decenni, un luogo fisico, una stanza nel palazzo comunale, sempre aperta al pubblico. In questa stanza veniva affisso ogni atto, documento o avviso che deve essere reso pubblico, cioè diffuso, portato a conoscenza di tutti i cittadini.

Il motivo dell'esistenza dell'albo pretorio è proprio quello di rendere pubblico tutto quello che la pubblica amministrazione decide, contribuendo a rendere "trasparente" l'azione della pubblica amministrazione. In molti casi un atto della pubblica amministrazione non ha efficacia, cioè non ha validità legale, se non è pubblico o affisso in un luogo pubblico (appunto, l'albo pretorio).
L'albo pretorio comunale è il mezzo di pubblicità previsto dalla legge anche per altri casi che riguardano i cittadini (quindi non riguarda soltanto il Comune), ad esempio l'albo pretorio viene utilizzato dagli sposi per fare le pubblicazioni di matrimonio, viene utilizzato dalle persone che devono rendere pubblica la procedura per il cambio del nome o cognome, ... ecc.

Da gennaio 2010 l'albo pretorio si è trasformato, è diventato "virtuale". Tutti i documenti e gli atti che devono essere divulgati/diffusi sono resi pubblici tramite internet.
Le regole con le quali funziona l'albo pretorio non cambiano, rimangono invariate.


Come cercare un documento o un atto nell'albo pretorio

L'albo può contenere decine o centinaia di documenti a seconda del periodo.

Normalmente l'elenco dei risultati viene presentato per numero di registrazione, cioè in ordine progressivo di pubblicazione all'albo ma è disponibile anche l'ordinamento per "tipologia di documento" oppure per "ente che ha richiesto la pubblicazione".

In tutti e tre i casi è possibile scegliere l'ordinamento iniziale preferito utilizzando l'opzione A-Z (ascendente) oppure Z-A (discendente); con il numero di registro l'ordinamento è numerico, mentre negli altri casi è alfabetico.

Sono disponibili anche tre semplici ricerche combinabili:

Cosa c'è in archivio

Ogni documento, o meglio, ogni tipologia di documento, ha un preciso periodo di affissione all'albo. Scaduto il periodo, il documento viene tolto.

Un esempio:
se viene affissa all'albo la pubblicazione di matrimonio di Rossi Mario e Bianchi Maria il giorno 10 gennaio, sarà consultabile nell'albo fino al giorno 17 compreso perchè per le pubblicazioni di matrimonio sono previsti 8 giorni di affissione pubblica.
Per trovare la pubblicazione di matrimonio della coppia Rossi e Bianchi devo effettuare la ricerca in uno degli 8 giorni in cui è affissa. Se l'albo viene consultato il giorno 18 la pubblicazione di matrimonio Rossi/Bianchi non comparirà nell'elenco in quanto il giorno 18 è già deaffissa (cancellata dall'albo).


Anche gli atti del Comune sono cancellati dall'albo ma sono comunque consultabili negli archivi gestionali on line. È sempre possibile, in modo indipendente rispetto all'albo pretorio, consultare:


Il formato dei documenti consultabili nell'albo pretorio

Il "formato" dei documenti è molto vario, l'impegno del Comune di Prato è di utilizzare, per quanto possibile, formati standard, conosciuti e disponibili per tutti i cittadini.

Regole di pubblicazione all'albo pretorio

Ogni tipologia di documento deve rimanere "pubblica", consultabile da tutti, per un numero di giorni considerato congruo, cioè sufficiente perchè i cittadini vengano a conoscenza della decisione, dell'evento ecc.
La legge stabilisce per ciascuna tipologia di documento il numero minimo di giorni di affissione. Con proprio regolamento gli enti possono decidere affissioni piè lunghe.
I tempi di permanenza all'albo possono variare molto, da un giorno a un mese, in alcuni casi un mese e mezzo:

Una importante eccezione:
Tutte le volte che i documenti contengono una scadenza, ad esempio per presentare una domanda, come nel caso di bandi di gara, bandi di concorso, ecc. l'affissione all'albo pretorio ha una durata diversa che dipende dalla scadenza: il documento resta all'affissione per tutto il periodo in cui si può presentare la domanda. Vale la stessa regola per le convocazioni del Consiglio o delle commissioni: il documento rimane affisso fino al giorno in cui si riunisce il Consiglio Comunale o la commissione (compreso).


Come chiedere la pubblicazione all'albo pretorio

I soggetti che, a norma di legge, sono obbligati a pubblicare un documento all'albo pretorio comunale devono inviare una e-mail all'Ufficio Protocollo: indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) comune.prato@postacert.toscana.it.
Nella e-mail deve essere specificata la scadenza di affissione.

È necessario allegare alla mail il file del documento in formato elettronico. Il file deve contenere il documento in formato PDF non scansionato ma semplicemente "stampato" nel formato PDF dall'originale in Word, in Excel o altro programma di videoscrittura o foglio di calcolo.

Per i documenti resi disponibili in formato non compatibile con l'accessibilità, oppure che abbiano contenuti non conformi ai requisiti tecnici di accessibilità, devono essere forniti di sommario e descrizione degli scopi dei documenti stessi in forma adatta ad essere fruita con le tecnologie compatibili con l'accessibilità e devono essere indicate in modo chiaro le modalità di accesso alle informazioni equivalenti a quelle presentate nei documenti digitali non accessibili. (Riferimento: Albo pretorio online dal sito Pubblica amministrazione di Qualità del Dipartimento della Funzione Pubblica)

La consultazione dei documenti deve sempre riportare all'utente, chiare e ben visibili:


Ultimo aggiornamento: 29.12.2016
 indietro  inizio pagina